childitaffslogo

Apprendere con l’Accademia:

 

spiral02Le Pleiadi:

 Passato, Presente e Futuro

line

Il Libro della Conoscenza: Le Chiavi di Enoch  nella Chiave 1-0-6 ci dice:

 

  • 9 Le Pleiadi rappresentano la chiave per la protocreazione fisica: rappresentano l’inizio galattico della famiglia Adamica fisica.                                                                                  
  • Il Passato

In che modo, quanto leggiamo nelle Le Chiavi di Enoch, conferma quello che gli antichi sapevano delle Pleiadi? Nel mondo ci sono tante leggende di antropologia culturale in cui si parla delle Pleiadi. Nella mitologia greca, le Pleiadi sono le sette figlie di Atlante e Pleione e si chiamano Alcione, Merope,
 Elettra, Celeno, Taigeta, Maia e Asterope. Atlante e Pleione sono le stelle vicine e molti templi greci venivano orientati in relazione al sorgere e al tramontare delle Pleiadi. Il termine “Pleiadi”, scritto con
una “e” in più, in greco ha il significato di “Colombe”. Il più antico riferimento alle Pleiadi è
probabilmente quello che risale al 2357 a.C. nella letteratura astronomica cinese. Per le tribù agricole dell’emisfero settentrionale, il percorso delle Pleiadi indica l’inizio e la conclusione delle stagioni della
crescita.

Probabilmente la leggenda delle Pleiadi più famosa della tradizione dei nativi americani è la storia della
 Torre del Diavolo in Wyoming, una roccia vulcanica che la tribù locale dei Kiowa chiama Mateo
Tepe. Si racconta che un tempo sette fanciulle si accamparono vicino al fiume in una regione famosa
per la presenza di un grande numero di orsi. Uno degli orsi iniziò ad inseguire le fanciulle che si inginocchiarono a pregare per chiedere aiuto agli dèi. Il terreno venne fatto salire sino al cielo. L’orso, tentando invano di seguirle, colpì con una zampata un fianco della roccia, lasciando una traccia visibile
 sulla Torre. Per proteggere le fanciulle il Grande Spirito permise loro di restare in cielo come le sette
sorelle, le Pleiadi.

I Giapponesi chiamano Subaru la costellazione delle Pleiadi, mentre in Sanscrito si chiama Krittikas.
Per alcune tribù aborigene dell’Australia è Makara, ed erano al corrente del suo collegamento con la costellazione di Orione.Gli Aztechi la chiamavano Tianquiztli che significa “il luogo di incontro” ed
era considerata un segno importante della continuazione della vita: a mezzanotte, ogni 52 anni
appariva proprio sopra di loro e assicurava gli antichi americani che il mondo non sarebbe finito.
Gli Aztechi, ogni 52 anni, effettuano una speciale cerimonia religiosa che si chiama la Danza del
Nuovo Fuoco (anche detta la Cerimonia del Nuovo Fuoco) per assicurare il movimento del cosmo
e la rinascita del sole. Questo ciclo di 52 anni corrisponde anche al calendario religioso di 260 giorni (Tonalpohuali in azteco, o Tolkin in maya) quando si sovrappone al calendario civile (Xiupohuali in
azteco, o Haab in maya). Ogni 52 anni solari Haab (73 anni Tolkin) questi calendari coincidono;
quello che a volte gli Aztechi chiamavano la Rotazione del Calendario. Si diceva che questo ciclo
iniziasse quando le Pleiadi attraversavano il quinto punto cardinale o zenith del cielo a mezzanotte.
A volte le Pleiadi sono al loro zenith sull’America Centrale e, al tempo stesso, questo allineamento
 entra in piena congiunzione con il sole (come vedremo nuovamente nel XXI secolo). Inoltre, due cicli
 di 52 anni (104 anni) si coordinano con un ulteriore allineamento con Venere (simbolo della forma
creativa femminile su scala locale).

Si ritiene che la Piramide del Sole a Teotihuacan, fuori da Città del Messico, sia in allineamento con le
Pleiadi in quanto il suo lato occidentale e molte delle vie circostanti si rivolgono in direzione del
tramonto delle Pleiadi alla mezzanotte della notte della loro massima altezza. Anche i Maya avevano
un religioso rispetto per le Pleiadi e sapevano che nella zona di Chichen Itza, durante l’equinozio di
primavera, il Sole proiettava un’ombra a forma di serpente sulla scalinata del lato nord della piramide
di Kukulcan. Alcuni studiosi hanno calcolato che a circa 60 anni dall’apparire di quell’ombra, quando
il sole raggiunge il suo zenith sulla piramide a mezzogiorno (20-23 Maggio), c’è un ulteriore
allineamento diretto con le Pleiadi. L’allineamento delle Pleiadi con il sole potrebbe essere in diretto collegamento con Quetzalcoatl, il serpente piumato che è venuto per portare al pianeta una saggezza superiore.

Anche gli antichi Egizi indicarono le Pleiadi come una divinità femminile, molto probabilmente Neith,
la “madre divina”, oppure Hathor, che prese le sembianze di una mucca (che portava il seme della vita)
. Gli esperti di piramidi che hanno lavorato in Egitto negli ultimi dodici anni hanno trovato dei testi da
 cui emerge la venerazione degli Egizi per le Pleiadi che venivano considerate un sistema stellare divino superiore, specialmente Alcione, la sua stella più luminosa.

Il Presente

Gli astronomi ci dicono che ci troviamo al centro di una ruota in una ruota, in una macchina cosmica del tempo che i Maya e gli Egizi conoscevano, e proprio come ci muoviamo in relazione al nostro
paradigma solare contingente, il nostro intero sistema galattico si muove in relazione alla più ampia configurazione delle Pleiadi, che ora gli astronomi indicano con il nome di Messier 45 (M45). Questa
ruota più ampia è conosciuta come la Precessione degli Equinozi, il tempo che la terra impiega a
effettuare tutto il ciclo delle costellazioni dello zodiaco. È l’oscillazione della Terra, o asse di
rotazione su se stessa (con una angolatura) la ragione per cui lo zodiaco sembra muoversi a “ritroso”,
un segno ogni 2.200 anni circa, o approssimativamente un grado ogni 72 anni. Questo corrisponde in
media a 12 segni ogni 26.000 anni. Le Pleiadi ricoprono un ruolo fondamentale sia per l’emisfero settentrionale che per quello meridionale durante gli Equinozi e i Solstizi che sono definiti da questa Precessione.

Nell’emisfero settentrionale, all’Equinozio di Primavera, le Pleiadi sorgono durante il giorno e possono
 essere viste solo brevemente durante la notte. Ogni giorno il sole si avvicina sempre di più
all’allineamento con le Pleiadi sino a che, durante il Solstizio d’Estate, le Pleiadi sorgono poco prima
della luce dell’alba. La prima volta che le Pleiadi sono visibili prima del sorgere del sole, viene chiamata
la levata eliaca delle Pleiadi. Durante l’Equinozio d’Autunno, le Pleiadi sorgono a mezzanotte.
Al Solstizio d’Inverno, le Pleiadi sono visibili ad oriente subito dopo l’imbrunire. Questo avviene
perché sorgono nella volta celeste con quattro minuti di anticipo ogni giorno. I Maori della Nuova
 Zelanda utilizzano la levata eliaca delle Pleiadi, che chiamano Matariki, per indicare l’inizio del loro
nuovo anno (giugno). Riconoscevano in Matariki la madre con sei figlie (mentre altri indicavano
Puanga, o Rigel in Orione, quale segno del nuovo anno). Pertanto, è nella rivalutazione delle migliaia di reperti archeologici, dei centri megalitici e dei testi più importanti che sono stati conservati da una
tradizione millenaria in ogni parte del mondo, che vediamo un rapporto profondo tra le storie delle
Pleiadi e l’origine dell’umanità.

Il Futuro:

Perché gli antichi sono stati così profondamente colpiti dalle Pleiadi? La Chiave 106 ci dice inoltre che
le Pleiadi sono “la culla e il trono della nostra coscienza”, enfatizzando che il programma di vita
Adamica fu creato in questa regione dello spazio e che questa regione dello spazio segnalerà il ritorno dell’intelligenza superiore. La Chiave utilizza la parola “trono” con la minuscola, in quanto
rappresenta quel luogo in cui le Gerarchie superiori si incontrano per bilanciare la creazione inferiore.
Ci sono, infatti, molte regioni del trono, molti regni di potere del logos all’opera per la nostra
preparazione spirituale. Le Pleiadi sono pertanto un centro del trono, proprio come Orione è un
centro del trono con funzione di portale-soglia.

Le Pleiadi, pertanto, sono gli indicatori degli eventi di contatto tra cielo e terra e della soprapposizione angelico-umana, di quegli incontri che le diverse culture nel mondo hanno registrato con una precisone
 che ha quasi del soprannaturale. Ancora più importante è il fatto che si comincia a riconoscere
l’enorme età e la plausibilità storica delle leggende sulle Pleiadi presenti in tutto il mondo e che
 mettono in evidenza una protezione superiore e una trasformazione finale della creazione che ci
permetterà di tornare nei cieli superiori, di essere elevati, riprogrammati e risorgere nei cieli del
Dio Altissimo.

—JJH

Glitter0302

USA       Europe

Accademia per la Scienza Futura Europa

c/o Postfach 2888140 Wasserburg, Germania
 

04/11/14